Animali di razza: nuove leggi e regole per la vendita

10.11.2017

In Italia è legale vendere animali di razza, nessuna legge lo vieta. Sono ugualmente legali sia gli allevamenti professionali sia quelli amatoriali.

Tuttavia, il decreto legislativo n. 529/92 stabilisce che non è consentita, in nessun caso, la commercializzazione di animali senza pedigree come "animali di razza". In sostanza, non è illegale vendere un cane o un gatto senza pedigree, ma lo è venderli come animali "di razza".

Per chi si rende responsabile di questo illecito sono previste sanzioni, che però, finora, difficilmente sono state applicate.

Un'altra forma di vendita illegale è rappresentata dal traffico illecito di animali da compagnia (leggi anche Vendite illegali di animali online: è boom internazionale!), che la legge considera un vero e proprio reato (Legge n. 201/2010, art. 4).

È il caso degli animali provenienti da Paesi esteri e introdotti in Italia privi di sistemi per l'identificazione individuale (microchip) e delle necessarie certificazioni sanitarie e non muniti, ove richiesto, di passaporto individuale.

Anche in questo caso, per chi compie il reato allo scopo di ricavarne un ingiusto profitto, sono previste sanzioni, che comprendono la reclusione fino a un anno.

In un caso e nell'altro, il problema rischia di non trovare soluzione finché non sarà applicata la legge e finché ci sarà un mercato per questi animali.

Chi vende animali da compagnia dovrebbe svolgere questo lavoro in maniera seria e rispettando la legge. Ma anche chi compra dovrebbe assumere prima tutte le necessarie informazioni per non rischiare di alimentare un mercato illegale, ma soprattutto per avere la sicurezza di poter convivere con un animale sano ed equilibrato.